Il ritorno a Palermo del Calcio da Tavolo: Santo Longo si aggiudica la terza tappa del GP Sicilia

Santo Longo vincitore cat. Open
Santo Longo vincitore cat. Open

Domenica 11 marzo a Palermo è tornato di scena il Subbuteo. Dopo ben 6 anni di assenza, il capoluogo siciliano ridiventa teatro di piccole e grandi battaglie sul tavolo verde. L’appuntamento, organizzato dal club di casa, il Subbuteo Palermo, faceva parte del circuito regionale Sicilia FISCT e ha preso il nome di TROFEO ARTISICANA. L’appuntamento inizia alle ore 9.40, tra le mura del Pala Don Bosco, una location d’eccezione per gli importanti numeri espressi: disputate 140 partire in 18 campi; hanno partecipato 56 atleti, distribuiti nelle categorie Open (35), Esordienti (21), Under (6) e Ladies (5). Di livello la partecipazione corale espressa dai sei club siciliani, indice del fatto che il movimento in Trinacria stia vivendo un momento di forte crescita. Interessante sottolineare la presenza di tanti volti nuovo all’interno del circuito: il club di casa, infatti, fa debuttare quattro nuovi atleti (Valentino Lombardo, Salvo Mussato, Giovanni Asta e Nicola D’Acquisto), che si vanno ad aggiungere ai quattro atleti presentati a Messina al Memorial Diletti il 25 Febbraio scorso (Massimo Di Martino, Emanuele Di Martino, Michele Guarino e Filippo Chiovari), il reclutamento è un’opera distintiva del SC Palermo. La finale della categoria Open viene conquistata da Longo e Manzella ai danni di Mandanici, che si ferma in semifinale con il catanese (1-2) e Panebianco, che soccombe di misura su un sorprendente giovane messinese (1-2). Il match clou, trasmesso in diretta dal media partner del torneo Sport Like, vede passare di forza l’esperto catanese, che si impone di forza sul giallorosso Manzella. La categoria Cadetti Open viene aggiudicata da Riccardo Natoli, 2-1 su Riggio. Per la categoria Esordienti, folta la partecipazione dei padroni di casa. In finale è scontro tra Zappi (SC Palermo) e la Furnari (CTB),;l’atleta palermitano, dopo l’1-1 dei tempi regolamentari, passa al sudden death. Terzo Lorenzo Crisconio (SR), quarto Gianquinto (SCP). I cadetti Esordienti vengono vinti dalla giovane Perdichizzi (CTB), ai danni del palermitano Chiovari. Negli Under svetta di misura (2-1) il Bagherese Schilirò ai danni dell’aretuseo Lorenzo Crisconio, entrambi passano in semifinale ai danni dei rosanero Di Martino e Guarino. Per la categoria Ladies grande soddisfazione in casa Palermo, la Merkouris si aggiudica il primo posto, alle spalle la Guagliardi (CT), Filippone (BAG) e Perdichizzi (CTB). Premi speciali, alcuni in chiave goliardica, assegnati dal COL, messi in palio dal main sponsor Artisicana: Atleta “rivelazione” per Manzella (ME); “Dito caldo” - Goal più Veloce per Giuditta Lo Cascio (BAG); “Best Team” - miniature più belle per il Borussia Dortmund di Salvatore Currò (ME); “Esultanza Creativa” per Frasca (SR) e premio speciale “L’importante è partecipare” per Coppolino (CTB). Per il club ospitante l’esame di maturità del primo torneo organizzato è stato superato a pieni voti, appuntamento all’anno prossimo con altre avvincenti sfide da disputare nel capoluogo siciliano.

Claudio Panebianco vince il III Memorial Diletti: grandi numeri per il torneo organizzato dal Messina Table Soccer

Claudio Panebianco premiato dalla signora Diletti
Claudio Panebianco premiato dalla signora Diletti

Domenica 25 febbraio, a Villafranca Tirrena, in provincia di Messina, si è disputata la seconda tappa del Gp Sicilia Fisct, organizzata dal Messina Table Soccer con la collaborazione dell'AICS provinciale, grazie al presidente Lillo Margareci. Torneo dedicato al nostro indimenticato amico compagno di squadra, Alex Diletti. Come consuetudine, una festa siciliana ed un torneo di gran livello, con 52 iscritti, un numero importanti per una competizione regionale, suddivisi tra Open, Esordienti, Under e Ladies. Presenti con vari componenti oltre ad i padroni di casa, gli amici ed “avversari” dei club di Palermo, Siracusa, Bagheria, Mortellito Barcellona, Catania, Peloro e persino gli “special guest” da Vibo Valentia. Per la prima volta la location del torneo è stata Il Parco degli Ulivi, nuovo partner del sodalizio peloritano e struttura a quattro stelle con vista sullo splendido panorama di Capo Milazzo. Sia nei gironi, sia nei barrage, ottavi e quarti, tante le partite combattute con risultati anche sorprendenti, sino alle semifinali di ciascuna categoria. Per la categoria Open, a conquistare la finale sono stati Santo Longo sul sempre più in crescita Antonino Fontana, col risultato di 9-1 in favore del “Toro di Riposto”. Nell’altra semifinale si è data battaglia in un grande classico: Claudio Panebianco, del club di Catania, contro  Claudio La Torre, del Mortellito Barcellona. Un’emozionante vittoria per 4-3 al sudden death ha aperto le porte della finale al campione catanese. Nella categoria esordienti, a guadagnarsi la finale sono stati Maria Felice Merkouris, con un classico 2-0 su Carmelo Natale, e Fausto Leggio, ai danni di Vito Donzelli, arresosi solo al sudden death col punteggio di 3-2. Tra gli agguerriti under, in semifinale si son svolti i seguenti incontri: Carmelo Natale – Giovanni Buttitta 0-5 e Roberto Saitta – Davide Disma 3-1. Tante le emozioni ed i gol in tutte le finali disputate. Per la categoria Cadetti Esordienti, il campo vede vittorioso Di Martino su Chiovari, col punteggio di 2-1. Il vincitore del Cadetti Open è il veterano Fabio Gissara su Saso Calabrò col punteggio di 3-1. Nella categoria Ladies, ad aggiudicarsi la coppa è la catanese Erika Guagliardi su Maria Felice Merkouris. Con poca sorpresa, ma tanta soddisfazione visti i continui progressi, la “first lady” palermitana Merkouris ha vinto il torneo Esordienti, battendo 3-1 Fausto Leggio del club Peloro. Con un rotondo 6-1 nel derby bagherese, Saitta ha avuto la meglio su Buttita, guadagnandosi meritatamente la coppa del primo posto Under. Intorno alle 19, il momento clou della giornata, ovvero la tanto attesa finale Open. Un altro classico, l’ennesimo derby di questa edizione. Sul campo numero uno, a contendersi il Memorial Diletti, i catanesi Longo e Panebianco. Con un rotondo 0-3, il cannibale Claudio ha vinto il torneo di Messina, valido per la seconda tappa del GP Sicilia. Un ringraziamento a tutti gli amici e avversari - sempre corretti dentro e fuori dai campi – che ci hanno onorato della loro partecipazione.

Al CT Barcellona Mortellito la Coppa Sicilia 2017/18

Il podio della Coppa Sicilia 2018: Barcellona, Bagheria, Palermo.
Il podio della Coppa Sicilia 2018: Barcellona, Bagheria, Palermo.

E' il Calcio Tavolo Barcellona Mortellito ad aggiudicarsi, domenica 4 febbraio, la 14esima edizione della Coppa Sicilia, la principale manifestazione a squadre per Club siciliani, una competizione ricca di storia e di fascino, a cui i Club siciliani hanno sempre tenuto tantissimo. Per questa occasione il Subbuteo Club Bagheria, detentore del titolo, aveva organizzato al meglio: divisori, tabelloni, trofei all'altezza, campi tirati a lucido, un podio da grande manifestazione, il tutto nel segno di Gaetano Orlando, a cui la manifestazione era dedicata, amico e compagno di squadra tragicamente scomparso un mese fa. Barcellona Pozzo di Gotto ha avuto la meglio con un tasso tecnico-tattico davvero elevato, tra i più alti di sempre in Sicilia, con giocatori giovani che stanno crescendo molto e che potranno continuare a farlo con allenamenti, tornei e umiltà. Parliamo infatti di Carmelo Sciacca, Salvuccio Mandanici, Antonio La Torre (forse quello più in crescita, vincitore dell'Open Nazionale, proprio a Barcellona) e di Claudio La Torre, che non ha di certo bisogno di presentazioni. A capitanarli l'esperienza di Francesco La Torre, ma in forza hanno anche giocatori come Michele Cortese e Giuseppe Torre. Nonostante tutto ciò, la finale è stata davvero al cardiopalma, ancorata quasi per tutta la partita sull'1-1: Stefano Buono avanti su Antonio La Torre, mentre Emanuele Lo Cascio Vs Sciacca e Fontana Vs Mandanici erano fermi sul pareggio; nel frattempo Claudio La Torre metteva in sicurezza la differenza reti vincendo per 4-0 con Gianluca Buono. Tre Under19 per una finale bellissima, dove con un solo goal si sarebbe ribaltato tutto; una sfida epica, dove per Bagheria si è aggiunta anche la qualità di Antonino Fontana, fresco semifinalista Open all'internazionale di Roma. Ma nel secondo tempo i barcellonesi hanno saputo controllare il match, tenendo molto palla; quando nell'ultimo minuto i tre bagheresi, nel disperato bisogno di recuperare la sfera, hanno aperto gli spazi, prima Sciacca poi Antonio La Torre e quindi Mandanici, sono andati a segno, per un risultato finale di 3-0. Ma facciamo qualche passo indietro, perché gli spunti in questa Coppa Sicilia  non sono di certo mancati: 8 squadre, oltre 40 giocatori, tanti Under e donne, con Palermo capace di sorprendere tutti, andando a vincere con Siracusa e aggiudicandosi così la semifinale (dove sarà eliminata da Barcellona). Per i ragazzi guidati da Roberto Sbacchi l'ennesimo passo in avanti, un Club capace di proporre grandi numeri (ben due squadre iscritte alla Coppa Sicilia) ed ora anche un tasso tecnico in crescita. Scalpitano tanti giovani ed è la seconda squadra di Bagheria ad aggiudicarsi una storica semifinale, ragazzi e ragazze d'oro che stanno venendo su benissimo. Tra i cadetti, ancora giovani protagonisti, Siracusa B vince su Palermo B. Dopo 5 anni finisce il dominio di Catania e Bagheria, per la prima volta il titolo esce dalle province di Palermo e Catania, la prima vittoria di Barcellona è quindi storica. La Sicilia si conferma regione sui generis, con manifestazioni molto partecipate, ben organizzate, all'insegna dei giovani e delle donne, un invito formale a venirci a trovare da tutto lo stivale alle prossime competizioni.

 

L'acuto di Claudio La Torre sulla "X Longano Cup"

Claudio La Torre vincitore cat. Open
Claudio La Torre vincitore cat. Open

In una domenica molto fredda, nell’accogliente palestra dell’ITET FERMI, il Ct Barcellona ha organizzato la prima tappa stagionale del GP Sicilia 2017/2018. Nella categoria Open si è imposto, da bravo padrone di casa, il campione del mondo in carica Under 15 Claudio La Torre. Dopo aver superato agevolmente il girone eliminatorio a punteggio pieno su Riccardo Natoli, Roberto Sbacchi e Federica Mandanici, agli ottavi si è imposto 4-2 sul messinese Cesare Natoli, prima di affrontare ai quarti il compagno di mille avventure Salvuccio Mandanici, che ha battuto col punteggio di 3-2. In semifinale un’autentica finale anticipata, ormai divenuta un classico del Subbuteo meridionale: La Torre – Panebianco. Da un anno a questa parte i due se le danno di santa ragione in match equilibratissimi, alternando le loro vittorie, ma questa volta il padrone di casa è stato nettamente superiore, vincendo il match per 5-1. La finale è quasi una formalità a quel punto. un ottimo Ciccio Lo Presti (Bagheria) non riesce ad arginare l’impeto del giovane barcellonese che fa suo il match col punteggio largo di 8-2.

 

Nella categoria Esordienti, torneo impeccabile di Carmelo Natale, che dapprima ha vinto il girone eliminatorio e poi ha superato il catanese Samperi in finale col punteggio di 4-1.

 

Molto partecipata anche la categoria Ladies. Il torneo l’ha vinto la bagherese Filippone sulla catanese Guagliardi. Terza Lo Cascio, quarta Crisafulli e quinta l’esordiente Perdichizzi, tutte barcellonesi.

 

Tutta siracusana invece la finale della categoria Juniores tra Disma e Crisconio Lorenzo, col primo che si è imposto col punteggio di 3-2 al sudden death. Terzo De Gaetano e quarto Crisafulli, entrambi di Barcellona.

 

Infine bella cavalcata del messinese Riccardo Natoli nella categoria Cadetti, che, dopo essere stato eliminato al girone di qualificazione, ha messo in riga Ielapi, Giliberto e Fabio Gissara.

Claudio La Torre su tutti a Bagheria

Claudio La Torre vincitore cat. Open
Claudio La Torre vincitore cat. Open

Si dirà: quello di Bagheria era un regionale. D’accordo. Ma era un regionale con 61 iscritti, senza contare le doppie categorie. Un torneo di calcio da tavolo-subbuteo, quindi, con numeri eccellenti e, peraltro, distribuiti in diverse tipologie: 36 open, 25 esordienti, 8 under e 6 ladies. Grande soddisfazione, di conseguenza, in casa del club ospitante ma anche in tutto il movimento regionale siciliano, che raccoglie i frutti di un’incessante attività divulgativa e promozionale ormai quasi decennale. Venendo alla cronaca, l’Open ha visto l’affermazione di Claudio La Torre. Il giovanissimo talento barcellonese ha battuto in finale, ai tiri piazzati, l’altro asso siciliano Claudio Panebianco, in una sfida caratterizzata da un’altissima cifra tecnica e che è destinata senz’altro a diventare una vera e propria ‘classica’ del circuito nazionale. I due avevano sconfitto in semifinale, rispettivamente, Salvuccio Mandanici ed Emanuele Lo Cascio. Ai quarti si sono invece fermati Santo Longo, Antonino Fontana, Giuseppe Torre e Antonio La Torre. Nel Cadetti, successo di Riccardo La Rosa (3-2 in finale su Angelo Lo Presti). Il palermitano, vincitore qualche anno fa della Coppa Italia Under 19, torna così col piede giusto sui campi verdi, dando ulteriore linfa alla bella realtà del SC Palermo di Guido Capobianco. Nel tabellone Esordienti, invece, ennesima vittoria di Antonio Campagna. Il messinese ha battuto in finale Angelo Coppolino del CT Barcellona Mortellito per 2-0 (semifinalisti Lorenzo Crisconio e Davide Disma). Il relativo cadetti è andato a Massimiliano Principe (3-0 su Stefano Lo Iacono). La categoria Under è stata appannaggio del promettente bagherese Roberto Saitta, che ha battuto in una pirotecnica finale (5-3) il bravo compagno di squadra Giovanni Buttitta. Nella categoria Ladies, infine, successo di un’altra atleta di casa: Rosalia Filippone, infatti, ha battuto in finale la barcellonese Antonella Furnari per 1-0.

A Michele Cortese il "II Memorial Alex Diletti"

Michele Cortese premiato da Antonella Diletti
Michele Cortese premiato da Antonella Diletti

È Michele Cortese ad aggiudicarsi la seconda edizione del Memorial “Alessandro Diletti”. L’atleta del CT Barcellona Mortellito ha superato in finale Peppe Torre dell’Atletico Vibo per 2-0. In semifinale, i due avevano battuto, rispettivamente, Antonio La Torre e Salvuccio Mandanici. Ai quarti si sono invece fermati Claudio La Torre, Santo Longo, Armando Giuffrè e Cesare Natoli. Il torneo era valido come terza tappa del circuito regionale siciliano. Nella competizione, organizzata dal Messina Table Soccer presso il Viola Palace Hotel di Villafranca Tirrena, main sponsor del sodalizio peloritano, era anche previsto un torneo esordienti nazionale. Qui la vittoria è andata a Elio Greborio, del SC Palermo, che ha battuto in finale, al sudden death, il compagno di squadra Guido Capobianco 2-1. Semifinalisti sono stati Carmelo Natale (CT Barcellona Mortellito) e Lorenzo Crisconio (CT Siracusa). Nel torneo Under, vittoria del bagherese Roberto Saitta, che ha avuto la meglio, in un girone unico all’italiana, sul siracusano Davide Disma, sull’altro bagherese Daniel Ferrara e sullo stesso Crisconio. Federica Mandanici (CT Barcellona Mortellito) si aggiudica il trofeo Ladies, superando in finale per 3-0 la compagna di squadra Giusy Crisafulli. A Salvo Riggio è invece andato il torneo cadetti Open. Il giocatore del Messina Table Soccer ha superato in finale il palermitano Roberto Sbacchi ai tiri piazzati (semifinalisti Gianluca Giliberto e Roberto Saitta). Angelo Coppolino (CT Barcellona Mortellito), infine, vince il Cadetti Esordienti, battendo in finale il siracusano Giovanni Crisconio per 2-0 (semifinalisti Cecilia Randazzo e Antonella Furnari). I vincitori sono stati premiati da Antonella Diletti, sorella dell’indimenticato tesserato del Messina TS a cui è intitolato il torneo. Momenti di grande commozione anche durante il minuto di raccoglimento che si è osservato per ricordare la recente scomparsa di Salvatore Giliberto, presidente onorario del Messina TS e papà del presidente Gianluca. Nel corso della giornata, infine, è stato consegnato al direttore del Viola Palace Hotel, Cristiano Dall'Armi, il gagliardetto ufficiale della Fisct, in segno di riconoscenza per il supporto dato al Messina TS e alla federazione per l'organizzazione di numerosi eventi subbuteistici di qualità.

Coppa Sicilia 2016: trionfa Bagheria

Il Bagheria campione 2016
Il Bagheria campione 2016

Grande festa a Siracusa per la Coppa Sicilia di Calcio da Tavolo, organizzata dall’A.S.D. Siracusa Calcio Tavolo e dal Comitato Regionale Sicilia. Ben 11 squadre pronte a darsi battaglia per il titolo. La splendida location, all’interno del Parco Commerciale Belvedere, si è rivelata un ottimo strumento per far avvicinare tantissime persone al nostro sport. In occasione della manifestazione, presente anche Radio Sud orientale, che ha intervistato diversi atleti tra cui il Presidente della F.I.S.C.T., Maurizio Cuzzocrea. Molti i club che, nella loro squadra principale, hanno puntato sui giovani, come il C.T. Barcellona Mortellito, il Messina Table Soccer ed il Subbuteo Club Bagheria. La squadra favorita era il Subbuteo Club Catania, in quanto detentore del titolo, ma tutte le altre formazioni pronte a dar battaglia per conquistare il titolo. Dopo i gironi molto combattuti, in semifinale si scontrano Barcellona – Bagheria e Catania – Siracusa. Il Bagheria riesce a imporsi sugli avversari per 2-1 con le vittorie di Francesco Lo Presti e Stefano Buono, il Catania approda in finale per un gol subito in meno nel pareggio totale di 2-2. La finale vede sfidarsi Bagheria e Catania, che già nel passato si erano scontrate all'atto conclusivo. Ecco i risultati delle singole partite:

 

Subbuteo Club Catania - Subbuteo Club Bagheria  1-3

 

Erika Guagliardi - Antonino Fontana  0-6

Daniele Calcagno - Gianluca Enzo Buono  1-3

Claudio Panebianco - Emanuele Lo Cascio  4-2

Santo Longo- Stefano Buono  1-3

                        

Il Subbuteo Club Bagheria, squadra capitanata da Stefano Buono, riesce ad imporsi quindi con il risultato di 3-1 contro gli ex detentori del titolo. Grande prestazione dunque e soddisfazione anche legata alla presenza, in rosa, di un Under 19, per la prima volta in prima squadra durante una finale.

Nel torneo Cadetti si impone il Bagheria B contro il Barcellona B per differenza gol di +5 dopo il pareggio per 2-2 al termine delle quattro gare.

Longano Cup: finalmente Panebianco!

Dopo Berselli (3), Russo (1) e Sciacca (3) un altro nome illustre viene inciso sulla Longano Cup, quello del catanese Claudio Panebianco, che dopo i successi di San Pietro Clarenza e Villafranca, mette il terzo sigillo stagionale nel circuito regionale, lasciando le briciole agli avversari. Assente il barcellonese Claudio La Torre, il panzer etneo, superato agevolmente il proprio girone (6-0 a Trimboli e 7-0 ad Aragona) ha dovuto misurarsi con Cesare Natoli agli ottavi (2-1), Mandanici ai quarti (2-1), Sciacca in semifinale (2-1) e Longo in finalissima (1-0). Lo stesso Longo in semifinale si era imposto sull’ottimo Michele Cortese (2-1), ultimamente sempre più vicino alla finale. Oltre a Mandanici ai quarti di finale si fermano anche Alessandro Natoli (2-3 da Longo), Bruno Bagnato (1-2 da Cortese) e Daniele Calcagno (0-3 da Sciacca). Nella categoria “Ladies” podio tutto barcellonese. Al suo primo acuto Antonella Furnari che si aggiudica una finale combattutissima contro la Mandanici (2-1). In semifinale avevano superato rispettivamente la Randazzo (1-0) e la bagherese Filippone (2-0) vincitrice della tappa villafranchese di ottobre. Tutta bagherese invece la finalissima under. Roberto Saitta si impone al suddendeath sul compagno Giovanni Buttitta col punteggio di 2-1. I due in semifinale avevano superato rispettivamente Davide Disma (2-1) e Lorenzo Crisconio (3-2), altri due under emergenti del circuito, entrambi siracusani. Anche il Messina Ts mette il suo sigillo nella categoria Esordienti, grazie al successo di Antonio Campagna, che, dopo aver superato in semifinale il palermitano Marchese al suddendeath (2-1), si aggiudica l’ultima sfida con un largo 4-0 contro Lopis (Palermo). Grazie al successo di Barcellona Claudio Panebianco si riprende la prima posizione del ranking, davanti ai compagno Longo e Calcagno. Nella categoria esordienti il leader Campagna consolida il vantaggio sulla Guagliardi. Grazie alle semifinali conquistate la Filippone e Disma conservano invece la leadership nelle categorie Ladies ed Under.

Il Messina Table Soccer bissa il successo in Coppa Italia Juniores

Ed il messinese Armando Giuffrè vince la Coppa Italia individuale Under 19

Per il secondo anno consecutivo la Coppa Italia Juniores è del Messina! La squadra biancoscudata, formata dai giovani messinesi Armando Giuffrè, Alessandro Natoli, Roberto Manzella, Mirko Currò e Riccardo Natoli, batte in finale per 3-0 gli Eagles Napoli e riporta a casa la Coppa Italia a squadre. Dopo cinque vittorie consecutive contro Cremona (2-1), Nola (2-0), Lazio (3-0), Eagles Napoli (2-0) e Sessana (3-0), il Messina Table Soccer Juniores chiude al primo posto in classifica e batte quindi in finale la seconda classificata, gli Eagles Napoli.

Il giorno prima era arrivata un'altra importante vittoria a livello giovanile per il Messina Table Soccer: Armando Giuffrè, dopo averla sfiorata perdendo in finale la scorsa stagione, conquista la Coppa Italia Under 19!

Dopo aver superato il girone 2 grazie alle vittorie su Manzella e Morganelli, il pareggio con Fidanzio e la sconfitta di misura contro Pizzella, Armando supera al barrage 2-0 il compagno di squadra Mirko Currò, vince 3-0 la semifinale contro Andrea Bolognino ed infine supera in una equilibratissima finale il nolano Giuseppe Pizzella per 3-2, portando a casa il trofeo.

Claudio Panebianco vince il "V Trofeo Giuseppe Viola", prima tappa del circuito regionale

Claudio Panebianco premiato come vincitore del V Trofeo Giuseppe Viola
Claudio Panebianco premiato come vincitore del V Trofeo Giuseppe Viola

Solita grande festa del calcio da tavolo siciliano nel V Trofeo “Giuseppe Viola”. La kermesse, dedicata alla memoria del fondatore del Viola Palace Hotel di Villafranca Tirrena, che ha ospitato come sempre il torneo, ha visto una buona partecipazione di atleti, provenienti dal team organizzatore (il Messina Table Soccer), e da Siracusa, Catania e Bagheria. Graditissima, inoltre, la presenza di quattro giocatori del SC Palermo: club appena nato, che intende riportare in auge il subbuteo nel capoluogo siciliano, dopo un’assenza di tre anni. Li menzioniamo con piacere, nella speranza di vederli sempre più spesso ai tornei del circuito regionale e di quello nazionale: Guido Capobianco, Elio Greborio, Marco Caronia e Luigi Zappi. Il torneo Open è stato vinto dal catanese Claudio Panebianco, che ha battuto 4-0 in finale il compagno di squadra Santo Longo. Ottimi semifinalisti erano stati il messinese Armando Giuffrè (sconfitto da Panebianco) e la bagherese Eleonora Buttitta (battuta da Longo). Nelle altre tre categorie, ottimo comportamento dei giocatori di Bagheria. Nel torneo esordienti (come al solito molto partecipato) infatti, si impone Roberto Saitta, che batte in finale Erica Guagliardi per 4-0. Semifinalisti erano stati altri due bagheresi: Giorgio Schilirò e Giovanni Buttitta. Quest’ultimo vince il torneo Under, battendo in finale il siracusano Davide Disma 2-1; alle semifinali si erano invece fermati il messinese Diego Chillè e lo stesso Saitta. Nella competizione riservata alle Ladies, infine, vittoria di un’altra bagherese: Rosalia Filippone, infatti, batte Erica Guagliardi 1-0. Nel corso della giornata, inoltre, si sono svolte le premiazioni dei quattro vincitori del Grand Prix Sicilia 2015-2016, riservate ai leader della classifica regionale nelle diverse categorie al termine della scorsa stagione. Ninni Viola, figlio del compianto Giuseppe, e proprietario della struttura alberghiera, ha premiato Claudio Panebianco (Open), Erica Guagliardi (Ladies), Fabrizio Guastella (Esordienti) e Davide Disma (Under).

Domenica 2 ottobre prima tappa del circuito regionale 2016/2017 a Villafranca Tirrena (ME)

Il Viola Palace Hotel di Villafranca Tirrena (ME), sede del torneo regionale
Il Viola Palace Hotel di Villafranca Tirrena (ME), sede del torneo regionale

Come ogni stagione il circuito siciliano di calcio da tavolo-Subbuteo riparte da Messina. Domenica 2 ottobre l’ASD Messina Table Soccer organizza infatti il “V Trofeo Giuseppe Viola” presso la sala dell’omonima struttura alberghiera di Villafranca Tirrena. Torneo aperto a tutti i residenti in Sicilia, anche non tesserati alla Federazione, che parteciperanno alle quattro categorie previste: Open, Esordienti, Under 15 e Femminile. La manifestazione avrà inizio alle ore 9.30 per concludersi alle 18.00 con le premiazioni dei vincitori. Nell’occasione verranno premiati anche i campioni delle varie categorie del circuito isolano 2015/2016 appena conclusosi. Prevista come sempre una massiccia partecipazione degli atleti delle ASD siciliane (circa 40 presenze): oltre ai messinesi ci saranno anche atleti provenienti da Catania, Siracusa, Bagheria e, con grande piacere, anche il ritorno dei palermitani grazie al neonato club del capoluogo. Si prevede ancora una volta un grande successo della manifestazione dedicata per il quinto anno consecutivo al fondatore dell’Hotel Viola.

I magnifici quattro del 2016

Ed eccoli, conti alla mano, i quattro vincitori del Grand Prix Sicilia 2016. Dopo il Master di San Pietro Clarenza, infatti, la classifica del ranking siciliano, nelle sue quattro categorie, ha assunto la veste definitiva.

A vincere il Gran Premio nella categoria Open è Claudio Panebianco. Il campione catanese precede di pochi punti il compagno di squadra Santo Longo. Al terzo posto si piazza il siracusano Ivano Russo.

Nella categoria Esordienti il vincitore è Fabrizio Guastella. L'aretuseo precede sul podio, a pari punti, il messinese Antonio Campagna e l'etneo Davide Speranza.

Negli Under, la spunta un altro siracusano: Davide Disma, che si piazza davanti al compagno di club Lorenzo Crisconio e al bagherese Daniel Ferrara.

Nella categoria Ladies, infine, affermazione netta della rossazzurra Erica Guagliardi, che vede premiata la costanza dei suoi sforzi e delle sue presenze nei tornei del circuito regionale. Erica è accompagnata sul podio da Cecilia Randazzo e Federica Mandanici.

Appuntamento, adesso, con il primo vero e proprio torneo della stagione 2016-2017: il V Trofeo "Giuseppe Viola". La kermesse, organizzata dal Messina Table Soccer, si svolgerà il prossimo 2 ottobre, come di consueto, presso l'Hotel Viola di Villafranca Tirrena.

Claudio IV, Re di Sicilia

Panebianco premiato dal presidente Fisct Cuzzocrea
Panebianco premiato dal presidente Fisct Cuzzocrea

E sono quattro. Salgono di numero i titoli siciliani conquistati da Claudio Panebianco. L'atleta etneo si regala così una bella soddisfazione nel giorno che precede il suo diciottesimo compleanno. E lo fa alla sua maniera, mettendosi alle spalle con autorevolezza gli altri sette "masters" siculi (Santo Longo, Salvuccio Mandanici, Pierpaolo Murabito, Ivano Russo, Antonio La Torre, Alessandro Natoli e

Cesare Natoli).

Nella categoria Cadetti, destinata a tutti coloro che occupano posizioni, nel ranking siciliano, dal nono in giù, si impone Daniele Calcagno. Il catanese, reduce dal vittorioso incarico di capitano della Nazionale Under 12 ai Mondiali di Frameries, batte in finale proprio uno dei suoi ragazzi iridati, Riccardo Natoli (3-1), che aveva sorpreso tutti con un torneo davvero di ottimo livello. Semifinalisti il barcellonese Michele Cortese e un altro messinese, Armando Giuffrè.

Nella categoria Esordienti (intitolata all'indimenticato Alex Diletti, giocatore del Messina TS prematuramente scomparso un anno fa), il titolo di campione regionale va al messinese Antonio Campagna, che supera in una bella finale il bagherese Roberto Saitta.

La regina delle Ladies è la rosso-azzurra Erica Guagliardi, mentre Davide Disma, del Siracusa Calcio Tavolo, è il campione Under, al termine di una stagione che lo ha visto cerescere molto dal punto di vista tecnico e agonistico.

I tornei di consolazione vanno a Carlo Gissara e ad Angelo Coppolino.

Tutti i vincitori sono stati premiati dal presidente della Fisct (Federazione Italiana Sport Calcio Tavolo), Maurizio Cuzzocrea, intervenuto nella seconda parte della manifestazione per salutare gli atleti e rendere omaggio alla festa conclusiva di uno dei circuiti regionali calciotavolistici più fiorenti della Penisola.

 

Cesare Natoli

Domenica ritorna il Master Sicilia a San Pietro Clarenza

Riparte la stagione agonistica del subbuteo siciliano. Domenica 11 settembre, a San Pietro Clarenza, il Subbuteo Club Catania organizza, infatti, il Master Sicilia. La manifestazione prevede diverse categorie. La "Master" vedrà scontrarsi i primi otto atleti del ranking regionale. Da qui uscirà il campione regionale 2016.  Per tutti gli altri è prevista la categoria Cadetti. verranno disputate, inoltre, la categoria Esordienti, e quelle Under e Ladies. Tutte assegneranno il titolo di campione regionale di categoria.

La kermesse è ormai un appuntamento fisso della stagione siciliana. Quest'anno arriva ad appena una settimana di distanza dai campionati del mondo di Frameries, in Belgio, dove gli atleti siciliani si sono ancora una volta distinti, conquistando due medaglie d'oro nella categoria Under 15 a squadre (Claudio e Antonio La Torre) e Under 12 a squadre (Riccardo Natoli).

In Coppa Sicilia è nuovo testa a testa Catania-Bagheria: lo scettro siciliano torna nella città etnea

Il Subbuteo Club Catania vincitore, per la sesta volta, della Coppa Sicilia a squadre
Il Subbuteo Club Catania vincitore, per la sesta volta, della Coppa Sicilia a squadre

Nella cornice del Palazzetto dello Sport di Siracusa, con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale, è andata in scena la Coppa Sicilia 2014. Ad organizzare la manifestazione quest'anno è stata la locale ASD Siracusa CalcioTavolo, storica realtà del Subbuteo nazionale che sta vivendo un periodo particolarmente felice in termini di atleti iscritti ed entusiasmo. Come nella passata edizione, anche quest'anno la manifestazione ha visto confrontarsi fino all'ultimo Catania e Bagheria, con la prima che è riuscita, seppur solamente per la differenza incontri, a riprendersi lo scettro siciliano.

Ma andiamo per ordine: nella città aretusea si sono confrontate 8 compagini in un girone all'italiana di sola andata che non prevedeva finali: in caso di parità la differenza incontri generale avrebbe deciso la vincitrice. Si sono confrontati ben 40 atleti, che per una manifestazione selettiva come quella a squadre non sono pochi.

Dopo una stagione incolore, Siracusa si presentava con Ivano Russo e, soprattutto, con un Salvo Randielli finalmente ritrovato. Messina aveva dalla sua la presenza del campioncino Claudio La Torre, una vera forza della natura seppure solo Under 15. Bagheria era in formazione titolare, con Stefano Buono presente per l'occasione, ed infine Catania, seppur in formazione rimaneggiata, aveva come punti di forza Claudio Panebianco e Santo Longo.

Le altre quattro compagini coniugavano al futuro: Messina B presentava due Under 15 (Giuffré e Alessandro Natoli) che presto ritroveremo in prima squadra, Bagheria B era costituita per buona parte dalla caldera della squadra gialloblu, Zancle era alla sua prima uscita nella competizione e Siracusa B costituiva il frutto tangibile dell'attivismo degli aretusei, con tanti nuovi appassionati in campo.

Sui tavoli Catania e Bagheria sono riuscite a vincerle tutte, seppur le due squadre di Messina e Siracusa abbiano dato grande filo da torcere (ben più di quello che dimostra la classifica finale), pareggiando anche 2-2 il loro scontro diretto. La differenza l'ha fatta probabilmente la determinazione delle prime due classificate, ed in ultima battuta, per Catania, il contributo portato da due giocatori solo apparentemente di rincalzo: Daniele Calcagno e Giuseppe Parisi; senza nulla togliere ai più quotati Claudio Panebianco e Santo Longo, ma i primi due sono stati davvero determinanti.

Questa la classifica finale della Coppa Sicilia:

Catania 19 punti (avanti per diff. incontri);

Bagheria 19;

Siracusa 13 (avanti per diff. incontri);

Messina 13;

Messina B 9;

Zancle 4 (avanti per diff. incontri);

Bagheria B 4;

Siracusa B 0.


Campionati federali di Calcio da Tavolo: Catania sogna la massima serie ma la Sicilia c'è tutta

Il Subbuteo è il Calcio da Tavolo a punta di dito, il gioco che ha affascinato e fatto gridare al gol generazioni di italiani. Oggi è anche una disciplina sportiva, dove i Club siciliani si fanno valere. Catania è Campione d'Inverno della serie cadetta, Bagheria è a un passo dai playoff validi per la B, Messina ad oggi sarebbe salva in C. Questi, in estrema sintesi, i verdetti del girone di andata dei campionati di Subbuteo, il calcio a punta di dito, svoltisi presso il centro federale di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), dove tra serie A, B e due gironi di C si sono sfidati 44 Club per un totale di circa 400 giocatori. Guidata dal proprio campioncino Claudio Panebianco e con un Enrico Testa pienamente recuperato, Catania ha saputo regolare le avversarie della Serie B, ma il vantaggio su Torino, Stabiae e Lazio è minimo, solo 2 punti. Ad Aprile, per il ritorno dovrà essere compiuta un'altra prestazione super. Il movimento subbuteistico siciliano, vivo come non mai, con tornei regionali con oltre 50 iscritti, ha riportato da San Benedetto del Tronto altri ottimi risultati. La matricola Bagheria ha saputo stupire tutti e ha chiuso il girone di andata piazzandosi a una sola lunghezza da Ferrara (tra l'altro battuta) che occupa la seconda piazza, posizione utile per i playoff promozione. Una piccola curiosità, Bagheria è l'unica squadra italiana a schierare nel proprio sestetto titolare ben due ragazze: Eleonora Buttitta e Giuditta Lo Cascio (decisiva, tra l'altro, nel match contro i calabresi di Bruzia). Messina se l'è cavata molto bene a San Benedetto del Tronto, piazzandosi in una posizione utile alla salvezza. Ed al ritorno, a rinforzare le file dei messinesi, ci dovrebbero essere pure i fratelli La Torre (Antonio e Claudio), Under15 già campioni del mondo, come il catanese Panebianco. Ad Aprile, in contemporanea con il girone di ritorno delle serie maggiori, si giocherà anche la serie D, dove una rafforzata Siracusa e una promettente Zancle Messina proveranno a staccare il biglietto per la terza serie. Prima di pensare al ritorno, ed ancora prima del Natale, l'appuntamento clou del Calcio Tavolo si terrà al Palazzetto dello Sport di Siracusa Domenica 14 dicembre: la Coppa Sicilia 2014/15. Quest'anno la competizione sarà fortissima, visto che a sorpresa, con un sorpasso nel finale, lo scorso hanno Bagheria soffiò con il risultato di 2-1 la Coppa a Catania. Ne giocheremo delle belle!

Longo vince per la seconda volta consecutiva il "Trofeo Giuseppe Viola"

L'atleta etneo vince la II tappa del circuito regionale

Per la seconda stagione consecutiva il “Trofeo Giuseppe Viola” di Calcio da Tavolo, competizione regionale organizzata dall’ASD Messina Table Soccer e disputata domenica scorsa al Viola Palace Hotel di Villafranca Tirrena, va all’atleta del Subbuteo Club Catania Santo Longo. Il giocatore etneo batte in finale 3-2 il giovane Antonio La Torre, atleta barcellonese del Messina. Longo supera a punteggio pieno il girone eliminatorio battendo Claudio La Torre, Giliberto e Calabrò. Agli ottavi di finale vince per 7-1 contro l’aretuseo Gissara, ai quarti fa fuori 2-1 il messinese Mandanici ed in semifinale l’altro siracusano Russo (3-2). In semifinale si è invece fermato un altro messinese, Michele Cortese, battuto per 5-2 da La Torre. Tutte appannaggio delle di atleti messinesi le altre categorie: la categoria Cadetti è vinta da Francesco La Torre, che in finale batte 3-2 ai tiri piazzati il compagno di squadra Cesare Natoli, la categoria Esordienti (valevole anche per il circuito nazionale Fisct) va al villafranchese Dario Rossello, che si classifica al primo posto ancora davanti a un messinese, Salvo Riggio. Infine, nella categoria Under 15, la prima piazza nel girone unico va a Roberto Manzella, che vince grazie alla migliore differenza reti rispetto al compagno di club Mirko Currò.

Panebianco fa suo il torneo di casa

Il giovane catanese vince la prima tappa del GP Sicilia 2014/15

Catania - Ancora una volta un Open regionale è preda del giovane campione del mondo U15 rossazzurro Claudio Panebianco che inaugura la stagione 2014-2015 con un successo nel torneo svoltosi domenica 31 agosto a San Pietro Clarenza (CT). Molti i presenti per la tappa inaugurale del GP Sicilia con tutti i club isolani ai nastri di partenza e tre categorie disputate. Come detto Panebianco primeggia nell'open lasciando il secondo posto alla sorpresa di giornata, il calabrese Bruno Bagnato apparso in un soprendente stato di forma. La finale non ha comunque storia con un 4-0 netto per il vincitore. Si fermano in semifinale invece l'aretuseo Pierpaolo Murabito vecchia volpe del circuito siciliano ed il giovane barcellonese Claudio La Torre, anche egli campione iridato nell'U12, che festeggia con un podio il suo ritorno al Messian TS.

Successi tutti peloritani invece nelle altre categorie, è infatti il forte Riccardo Natoli ad aggiudicarsi senza particolari difficoltà la categoria Under, mentre un ottimo Valerio Mondo ottiene la prima affermazione nella categoria esordienti battendo il compagno di squadra Riggio. A conclusione della giornata vincente per il club giallorosso arriva anche l'affermazione nel torneo cadetti, riservato agli eliminati dalla fase a gironi. di Cesare Natoli che sconfigge l'arrembante siracusano Peppe Frasca. Prossimo appuntamento il 19 ottobre con l'Open Regionale di Villafranca (ME).

Natoli vince il "II torneo Citta di Erice".

Al messinese la quinta tappa del circuito regionale. Viscuso si impone nell'under

È il messinese Cesare Natoli ad aggiudicarsi il "II Trofeo Città di Erice", che si è disputata presso la palestra dell'Istituto Castronovo. La kermesse, egregiamente organizzata dal Subbuteo Club Trapani e valida come 5a tappa del circuito regionale, ha visto partecipare atleti provenienti, oltre che dal sodalizio di casa, dai club di Palermo, Bagheria e Barcellona P.G. nonché il francese Olivier Sagit del club di Caen. Il "professore" messinese, unico atleta giallorosso presente al torneo trapanese, passa il girone vincendo per 2-1 contro Claudio Marini e poi 8-1 contro Alessandro Marini. Nei quarti di finale incontra il francese Sagit, avversario davvero ostico e battuto con il punteggio di 3-2. In semifinale ottima vittoria per 3-1 contro Salvatore Mandanici del CT Barcellona, ed in finale vittoria per 2-1 contro la vice-campionessa italiana femminile, la bagherese Eleonora Buttitta. L’atleta peloritano, così, conquista il primo posto nel ranking regionale. Ottimo anche il torneo del palermitano Roberto Sbacchi, che elimina nei quarti il presidente della Fisct Enrico Corso e si arrende in semifinale, al golden gol, solo alla finalista Buttitta. Si fermano ai quarti i trapanesi Riccardo Mariani e Alessandro Marini, mentre nella finale del torneo consolazione Claudio Marini ha la meglio su Stefano Carollo. Nella categoria under, invece, si impone il bagherese Vincenzo Viscuso, che precede i compagni di squadra Antonino Corleone e Giovanni Ducato e il piccolo trapanese Aldo Marini

Natoli premiato dal dirigente del Trapani Riccardo Mariani
Natoli premiato dal dirigente del Trapani Riccardo Mariani

IV LONGANO CUP “F.LLI BRANCA”

Sciacca si riconferma

I due finalisti della Cat. Open: Panebianco (Catania) e Sciacca (Barcellona)
I due finalisti della Cat. Open: Panebianco (Catania) e Sciacca (Barcellona)

BARCELLONA. Nella calorosa cornice dell’Oratorio parrocchiale di S. Maria Assunta, divenuta oramai la seconda casa del Calcio Tavolo Barcellona, domenica scorsa si è svolta la IV Longano Cup di Subbuteo, meglio conosciuta come “La Fiesta”, la quarta tappa stagionale del G.P. Sicilia. Tra i partecipanti di un torneo di livello assai alto ci sono atleti provenienti da tutta la Sicilia ed anche dalla Calabria. La finale della categoria Open rispetta i pronostici della vigilia. A contendersi il trofeo sono il barcellonese Carmelo Sciacca ed il catanese Claudio Panebianco, entrambi appartenenti alle categorie giovanili, ma già insediati in pianta stabile ai piani alti della categoria principale. Il piccolo Panebianco arriva in finale dopo aver superato ai quarti un altro enfant prodigio, il bagherese Emanuele Lo Cascio, ed in semifinale il bravo reggino Bruno Bagnato. Dall’altra parte Sciacca ha dovuto far fuori in uno scontro fratricida l’emergente Mandanici (Ct Barcellona) ai quarti giocando un intensa ed avvincente semifinale contro un Enrico Testa (Catania) in gran forma, con la gara che si è decisa soltanto dopo l’ultimo tiro piazzato. La finalissima è una partita a scacchi tra i due giovani, ma al tempo stesso maturi avversari e solo nel secondo tempo, quando sembrava avviarsi verso i tempi supplementari, Sciacca riesce a trovare la stoccata vincente che gli consegna la sua seconda personale edizione della Longano Cup. Nella categoria giovanile si sono affrontati dodici piccoli atleti provenienti da Barcellona, Messina e Catania ed alla fine ha avuto la meglio Francesco Muscianisi (Ct Barcellona) sul compagno di club Salvuccio Calabrò, superandolo in finale col punteggio di 4-2. In giornata s’è giocata anche la quarta giornata del Campionato Siciliano a squadre. Il Barcellona sfiora l’impresa di battere il Catania, squadra di categoria superiore, pareggiando alla fine 2-2. Nell’altro match Bagheria batte Messina 3-1. Rinviata Siracusa – Trapani. L’appuntamento ora è per il 5 Febbraio, col Satellite (torneo del circuito nazionale) che si giocherà a Messina.

 

Sciacca vince a Messina

Il barcellonese si aggiudica la terza tappa del circuito regionale. Alessandro Natoli vince nell'under

 

È tornato dopo tre anni di assenza un torneo di Calcio da Tavolo a Messina. La terza tappa del circuito regionale 2011/2012 ha toccato il capoluogo peloritano grazie all'organizzazione, da parte del Messina Table Soccer, di una kermesse di ottimo livello. I locali dell'Istituto per sordomuti Cristo Re, grazie al placet di padre Adriano Inguscio, hanno ospitato i 49 atleti (fra Open ed Under) siculo-calabri presenti alla manifestazione. Vince Carmelo Sciacca, che in finale batte Ivano Russo 3 a 2 al sudden death. L’atleta barcellonese, vincitore della Coppa Italia Under 19 2010, conferma così il suo ottimo momento di forma e balza al terzo posto nel ranking regionale. Da registrare le ottime prove, oltre che del finalista Russo, di Walter Siracusa (sconfitto 3-2 da Russo) e Claudio Panebianco (1-2 con Sciacca), fermatisi solo alle semifinali. Ai quarti, invece, erano giunti anche Cesare Natoli, Carlo Gissara, Enrico Testa e Salvuccio Mandanici. Si ferma agli ottavi, invece, il leader del ranking Michele Magrì (1-2 con Russo al sudden death)

Nel consolazione, vittoria del reggino Saso Cotronei, che batte il compagno di squadra Piero Ielapi per 3 a 2 al sudden death.

Tra gli under si impone il messinese Alessandro Natoli, che supera in semifinale il compagno di squadra Pietro Russo 3 a 0 e, in finale, il barcellonese Giovanni Squaddara (che aveva avuto la meglio sul reggino Alessandro Ielapi, nell’altra semifinale, con il punteggio di 3-1) per 2 a 0. Il giovane atleta peloritano conquista così il vertice del ranking regionale di categoria. Nel consolazione under, affermazione di Armando Giuffrè (vittoria per 3-1 su Domenico Aragona), mentre nel “Boys in action” (torneo sperimentale under) il reggino Andrea Sergi supera il messinese Luigi Zagarella ai piazzati.

L’appuntamento con il calendario regionale, adesso, è con la quarta edizione della Coppa del Longano, che si disputerà a Barcellona domenica 8 gennaio.

 

Al Palermo la Coppa Sicilia 2011

I rosanero superano in finale il Catania al sudden death

Sono gli atleti del Palermo ad aggiudicarsi l'edizione 2011 della Coppa Sicilia. La formazione rosanero - composta da Emilio Richichi, Enrico Corso, Riccardo La Rosa, Manlio Morabito e Roberto Sbacchi, ha sconfitto in un'equilibrata ed entusiasmante finale il Catania (nelle sue fila Ivano Russo, Massimiliano Berselli, Claudio Panebianco e Santo Longo) per 2-1 al sudden death.

La kermesse, disputatasi a Bagheria, ha confermato l'ottimo momento del cdt siciliano, sia in termini di squadre partecipanti che di qualità di gioco. Undici e tutte agguerrite, infatti, le compagini ai nastri di partenza: oltre alle due finaliste, Bagheria, Barcellona Barcellona B, Barcellona C, Catania B, Messina, Trapani (alla sua prima partecipazione ufficiale alla manifestazione sicula), Siracusa A, Siracusa B. Terza si è classificata il Catania B, che ha soffiato il bronzo al Siracusa (2.2 al termine ma differenza reti complessiva a favore degli etnei).

Dopo la Coppa Italia, occhi puntati, adesso, sull'open nazionale di Catania (3 e 4 dicembre) e sul regionale di Messina (terza tappa del Grand Prix Sicilia), che si disputerà a Cristo Re, sede del Messina Table Soccer.

Nella foto il Trapani, all'esordio nella Coppa Sicilia. Riccardo Mariani, Alessandro Marini, Giuseppe Trupiano, Claudio Marini ed il piccolo Marini
Nella foto il Trapani, all'esordio nella Coppa Sicilia. Riccardo Mariani, Alessandro Marini, Giuseppe Trupiano, Claudio Marini ed il piccolo Marini

A Palermo la seconda tappa del G.P. Sicilia

Vincono Enrico Testa e Alessandro Natoli

La semifinale Randielli-Macrì arbitrata da Longo
La semifinale Randielli-Macrì arbitrata da Longo

Va a Enrico Testa la seconda tappa del Grand Prix Sicilia 2011/2012, Il catanese ha battuto in finale Salvo Randielli 2-1, al temine di una torneo di buon livello, che si è disputato al Palauditore di Palermo. Nella categoria Under, invece, il Messinese Alessandro Natoli si è imposto sui compagni di squadra Armando Giuffrè e Luigi Zagarella.

Il torneo open ha visto arrivare nei quarti i due finalisti, che hanno avuto la meglio, rispettivamente, su Cesare Natoli (3-2 al S.D.) e Santo Longo (4-2), nonchè Ivano Russo e Claudio Panebianco (3-2 per il primo) e Michele Magrì e Daniele Calcagno (1-0 per Magrì). Nelle semifinali, lotte intestine tra Randielli e Magrì (vittoria del primo per 3-2 ai tiri piazzati) e Russo-Testa, con quest'ultimo che prevaleva per 3 -1. Della finale si è già detto.

Nel torneo di consolazione viene sperimentata una formula con due competizioni. Nella prima si impone in finale il baghereseFrancesco Lo Presti su Gabriele Abate 6-1; nella seconda, la campionessa del mondo femminile Giuditta Lo Cascio ha la meglio sul trapanese Claudio Marini per 3-1.  

Al via il Grand Prix Sicilia 2011-2012

Russo torna alla vittoria, Squaddara si conferma

Russo-Testa in una foto di repertorio.
Russo-Testa in una foto di repertorio.

Catania - La grande attesa è finita, domenica 11 settembre è andata in scena la prima tappa del G.P. Sicilia stagione 2011/2012 organizzata dal Subbuteo Club Catania nella città etnea.

Il torneo Open ha visto ai nastri di partenza ben 40 giocatori ed a prevalere è stato il siracusano Ivano Russo, che da tre anni difende i colori rossazzurri del S.C. Catania. La vittoria in finale è giunta sul compagno di squadra Berselli, già vincitore nel 2009, per 2-1. In semifinale si son fermati Santo Longo e Carmelo Sciacca, autori entrambi di un otiimo torneo, mentre chiudono la top 8 il reggino Bagnato, Calcagno, Claudio Panebianco e Torre. Una nota di merito va fatta per i giovanissimi fratelli La Torre, che al loro esordio nel circuito Open regalano ottimi risultati. Antonio passa addirittura il girone, terminando il torneo ai barrages, Claudio invece non riesce a passare dopo aver messo in difficoltà gli avversari di girone, ma gioca un grandissimo torneo di Consolazione che lo vede prevalere in finale sul catanese Marletta, anch'egli in giornata positiva. Delude invece il siracusano Randielli, fuori nel girone e sconfitto anche nel consolazione.

Il torneo Under è sempre una festa, 9 i giocatori che si sfidano in due gironi ed a vincere, bissando il successo dell'anno prima, è il barcellonese Ciccio Squaddara che in finale la spunta sull'emergente compagno di squadra Fabio Aragona solo ai tiri piazzati per 4-2. Semifinalisti ancora barcellonesi, Giovanni Squaddara e Domenico Aragona si arrendono ai rispettivi fratelli.

Nel consolazione Under bellissima prova dei due finalisti, la vittoria va a Salvuccio Calabrò per 3-2 (in rimonta) sul reggino Andrea Sergi, il più giovane tra gli iscritti al torneo. Buoni gli esordi di due nuove promesse giallorosse, Giuffrè e Russo, che al loro primo torneo ottengono già buoni risultati.

Cambia la vetta del ranking Open, Berselli torna al comando scavalcando Magrì, ora secondo. Perdono diverse posizioni Randielli e soprattutto Emanuele Lo Cascio, assente a Catania dopo la vittoria dell'anno passato.

Il torneo è stata anche l'occasione per dare il via al campionato siciliano a squadre, un torneo che durerà tutta la stagione ed assegnerà il titolo siciliano per club. Due le partite giocate della prima giornata, Catania vince nettamente 3-0 su Messina, mentre la grande battaglia Siracusa - Barcellona vede gli aretusei prevalere con il risultato di 2-1.

Prossimo appuntamento del GP Sicilia e del Campionato il 16 ottobre con la tappa di Palermo.